Sì, lo so. Andrebbe usato il radicchio di Treviso. Ma sotto mano avevo del radicchio rosso comune, quello tondo. Eran due giorni che lo fissavo. In padella, no. Risotto, no. Insalata, no. Al forno, no. Alla piastra con la scamorza, no.
Agrodolce sott’olio sì. Ne avevo voglia. L’ho fatto.

Quindi.

– 1 cespo di radicchio rosso, più o meno dovreste essere sul 1/2 kg
– un bicchiere d’aceto, io uso quello di mele, più o meno 150 ml
– un bicchiere d’acqua, sempre più o meno 150 ml
– olio, più o meno 50 ml
– zucchero, a gusto … io metto 100 gr
– sale, di nuovo… a gusto… io metto 50 gr
– noci, 10
– qualche bacca di ginepro
– pepe in grani

Affettate il radicchio, sciacquatelo e mettetelo ad asciugare su un panno.
Mentre il radicchio asciuga in una pentolino versato tutto il resto, tranne le noci. L’olio, l’aceto, l’acqua, lo zucchero, il sale, il ginepro e il pepe.
Mettete il pentolino sul fornello e portate ad ebollizione. Mescolate di tanto in tanto in modo da far sciogliere bene lo zucchero e il sale.
Tra una rimescolata e l’altra tritate al coltello le noci.
Quando il composto sul fornello inizia a bollire immergeteci il radicchio. Contate fino a cento poi trasferite il radicchio in un barattolo di vetro, alternandolo con le noci tritate.
Rabboccate con il liquido, ancora caldo, che è rimasto nel pentolino.
Chiudete il barattolo e mettetelo a raffreddare a testa in giù.

Et voilà le jeux sont fait.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *