here we go, la ribollita

cucinare questo piatto significa accettare che il tempo possa dilatarsi e mischiarsi fino a fondere tre giorni in uno soltanto

queste sono le dosi per preparare ribollita per 8 persone, mi raccomando se siete di più o di meno rispettate le proporzioni.

Ah, ho imparato a fare la ribollita da mia nonna. Quindi per qualsiasi rimostranza su ingredienti o procedimento rivolgetevi a lei.

fagioli cannellini, 400g (cannellini, solo e unicamente i cannellini)
pane toscano raffermo, 400g (pane toscano, è essenziale, non scherzo, e non questione di sale o non sale, almeno non solo, è questione di consistenza, davvero, non provate a fare la ribollita con le michette)
cavolo nero, 400g
verza, 700g
bietole, 300g
2 patate
pomodori pelati, 300g
1 cipolla, 2 carote, 2 gambi di sedano, 2 carote, 4 spicchi d’aglio, salvia
timo, o pepolino
300g di pelati
olio evo
sale e pepe nero in grani

– La sera, prima di andare a dormire, metti a mollo i cannellini. Solo acqua, niente bicarbonato.
– La mattina dopo, con calma, dopo aver bevuto il caffè, dopo aver guardato fuori dalla finestra dando il buongiorno al mondo, sciacqua i cannellini mettili a cuocere in 2l di acqua con due spicchi d’aglio e un paio di foglie di salvia. Niente sale, fuoco basso. I fagioli, per cuocere bene, hanno bisogno di tempo, e calma. Devono borbottare, mai bollire, ché se si sbatacchiano tra di loro si rompono e cuociono male. Aggiungi un po’ di sale quando saranno quasi cotti. Ci vorranno circa tre ore.
– Mentre i fagioli borbottano taglia a listarelle e lavate il cavolo nero, la bietola e le verze. Tieni le verdure separate, ognuna nella sua ciotola. Taglia e fettine carote e sedano, trita aglio e cipolla, lava, pela e taglia a pezzi le patate. Taglia a fette il pane.
– Quando i fagioli saranno cotti prendine 3/4 e frullali, poi rimetti la purea nell’acqua di cottura.
– In una pentola, larga e bassa, fai soffriggere cipolla e due spicchi d’aglio con un po’ di timo, o pepolino (un rametto, non di più).
– Quando aglio e cipolla cominciano ad appassire aggiungi il sedano e le carote, dopo un paio di minuti aggiungi anche le patate, poi, in sequenza, dieci minuti di distanza tra una verdura e l’altra, il cavolo nero, la bietola e infine la verza.
– Aggiungi i pelati, metti un po’ di sale e stufa per 10 minuti.
– Aggiungi tutto il brodo dei cannellini, abbassa al minimo, copri la pentola e lascia cuocere per un’oretta. Solo il brodo, mi raccomando, senza i cannellini.
– Aggiungi i cannellini.
– Aggiungi le fette di pane, uno strato sopra l’altro, gira bene e lascia cuocere per qualche minuto in modo che il pane possa assorbire la parte liquida della minestra.
– Spengi il fuoco, copri e lascia riposare la minestra. Tutta la notte.
– La ribollita si chiama ribollita perché, letteralmente, si tratta di far ri-bollire la minestra di pane.
Quindi accendi il fuoco sotto la pentola e riporta a bollore, girando spesso in modo da sfare e disfare tutto il pane.
La ribollita si mangia calda, o tiepida. Con un filo d’olio e un po’ di pepe macinato fresco.

les jeux sont faits

0 Reviews

Write a Review

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *